Condividi questa pagina:
Cerca
Home page | Il Comune | Uffici Comunali | Stato civile | Pagina corrente: Unioni Civili

A chi rivolgersi

Catia Campomori

Nome: Catia Campomori
Telefono: 051 6979237
Cellulare:
Fax: 051 6979255
Profilo: Istruttore amministrativo

Funzioni: Ufficiale di Stato Civile e d'Anagrafe
Mirella Dall'Olio

Nome: Mirella Dall'Olio
Telefono: 051 6979288
Cellulare:
Fax: 051 6979255
Profilo: Collaboratore amministrativo

Funzioni: Ufficiale di Anagrafe e Stato civile

UNITÀ ORGANIZZATIVA RESPONSABILE DELL' ISTRUTTORIA: SERVIZI DEMOGRAFICI

Unità Organizzativa responsabile dell'istruttoria:


Servizi Demografici Responsabile del procedimento – Ufficiale di Stato Civile: 

Italo Poggesi, Tel.0516979237
Catia Campomori, Tel.0516979237
Mirella Dall'Olio, Tel.0516979237
Luisa Lanzarini, Tel.0516979237
Valentina Montalbani, Tel.0516979237


Per informazioni: Ufficio Stato Civile

DESCRIZIONE

L'unione civile è definita come una specifica formazione sociale costituita da persone maggiorenni dello stesso sesso. Le parti dell'unione assumeranno lo stato civile di “unito/a civilmente”.   

 

Requisiti

-          Persone dello stesso sesso

-          Maggiore età

 

Dove

La richiesta di costituzione dell'unione civile può essere presentata all'ufficio di stato civile del Comune scelto liberamente dalle parti: non esiste l'obbligo di chiedere la costituzione presso il Comune di residenza anagrafica.

I cittadini italiani iscritti all'Aire (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) possono presentare domanda di costituzione dell'unione civile all'ufficiale di stato civile in Italia oppure all'autorità consolare competente territorialmente.

L'unione civile può essere costituita anche fuori dalla “casa comunale” se una delle parti per infermità o per altro impedimento giustificato all'ufficio dello stato civile, è nell'impossibilità di recarsi alla casa comunale.

Nel caso di imminente pericolo di vita di una delle parti è competente l'ufficiale dello stato civile del luogo ove si trova la persona.

L'unione civile, quando vi è necessità o convenienza, può essere costituita anche in Comune diverso da quello in cui è stata presentata la richiesta (cosiddetta costituzione unione civile “per delega”).

 

Orari

La cerimonia di costituzione dell'unione  civile  è celebrata, in via ordinaria, durante l'orario di apertura al pubblico dell'ufficio di Stato Civile.

 

Le unioni civili non vengono costituite nei seguenti giorni:

 

-      1 gennaio, Capodanno;

-      6 gennaio, Epifania;

-      il sabato precedente la Pasqua;

-      il giorno di Pasqua;

-      il giorno dopo Pasqua (pasquetta);

-      25 aprile, Festa della Liberazione;

-      1 maggio, Festa del lavoro;

-      2 giugno, Festa della Repubblica;

-      15 agosto, Ferragosto;

-      1 novembre, Festa dei Santi;

-      2 novembre, Commemorazione dei defunti;

-      8 dicembre, Immacolata Concezione;

-      13 dicembre, Patrono di Medicina;

-      24 dicembre, vigilia di Natale;

-      25 dicembre, Natale;

-      26 dicembre, Santo Stefano;

-      31 dicembre, San Silvestro;

-      I martedì mattina e i venerdì;

-      nei mesi di Agosto i sabati e le domeniche;

-      nelle domeniche che seguono o precedono un giorno festivo;

-      il sabato antecedente e il lunedì successivo a consultazioni elettorali (se già note al momento della richiesta);

-      in occasione di eventuali ulteriori disposizioni dell'Amministrazione comunale (es. rimodulazione giornate di apertura al pubblico nel periodo estivo (chiusura degli uffici al sabato) oppure autorizzazione chiusura uffici comunali in occasione di “ponti”).

 

Cause impeditive alla costituzione dell'unione civile

a)      Sussistenza per una delle parti, di un vincolo matrimoniale o di unione civile tra persone dello stesso sesso;

b)      L'interdizione di una delle parti per infermità di mente e se l'istanza d'interdizione è soltanto promossa, il Pubblico Ministero può chiedere che si sospenda il procedimento di costituzione dell'unione civile e in tal caso il procedimento non può aver luogo finché la sentenza che ha pronunziato sull'istanza non sia passata in giudicato;

c)      La sussistenza tra le parti dei rapporti di cui all'articolo 87, primo comma, del Codice Civile (parentela, affinità, adozione); non possono altresì contrarre Unione civile tra persone dello stesso sesso lo zio e il nipote e la zia e la nipote; si applicano le disposizioni di cui al medesimo articolo 87 del Codice Civile;

d)     La condanna definitiva di un contraente per omicidio consumato o tentato nei confronti di chi sia coniugato o unito civilmente con l'altra parte; se è stato disposto soltanto rinvio a giudizio ovvero sentenza di condanna di primo o secondo grado ovvero una misura cautelare, la procedura per la costituzione dell'unione civile tra persone dello stesso sesso è sospesa sino a quando non è pronunziata sentenza di proscioglimento.

 

Il regime patrimoniale

 Al momento della costituzione dell'unione civile le parti avranno la possibilità di scegliere il regime della “separazione dei beni”, mentre in mancanza di diversa convenzione patrimoniale, il regime patrimoniale  sarà costituito dalla “comunione dei beni”.  Successivamente alla costituzione dell'unione civile, le parti potranno pervenire alla modifica delle convenzioni  e saranno a loro applicate  le norme in materia di forma, modifica, simulazione e capacità per la stipula delle convenzioni patrimoniali.

Il cognome

Alle parti costituenti l'unione civile viene data la possibilità di stabilire di assumere per la durata dell'unione civile un “cognome comune”, scegliendolo tra i loro cognomi, mediante dichiarazione all'ufficiale dello stato civile. La parte può anteporre o posporre al cognome comune il proprio cognome, se diverso, facendone dichiarazione all'ufficiale dello stato civile.

NOTA BENE: a livello anagrafico le parti manterranno il cognome posseduto prima dell'unione per cui le certificazioni (es. certificato di residenza) ed il codice fiscale, rimarranno invariati.

Certificazione dell'unione civile (certificato di stato civile)

La certificazione dell'unione civile (solo dell'unione civile!) riporta i dati anagrafici delle parti, l'indicazione del regime patrimoniale e della residenza, oltre ai dati anagrafici ed alla residenza dei testimoni.

Nei documenti e atti in cui è prevista l'indicazione dello stato civile (es. sulla carta d'identità, anche se facoltativo), per la parti dell'unione civile sono riportate le seguenti formule: “unito civilmente” o “unita civilmente”.

 

Diritti e doveri

Con la costituzione dell'unione civile tra persone dello stesso sesso le parti acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri: dall'unione civile deriva l'obbligo reciproco, all'assistenza morale e materiale ed alla coabitazione. Entrambe le parti sono tenute, ciascuna in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale e casalingo, a contribuire ai bisogni comuni. Le parti concordano tra loro l'indirizzo della vita familiare e fissano la residenza comune; a ciascuna delle parti spetta il potere di attuare l'indirizzo concordato.


Diritto agli alimenti

All'unione civile tra persone dello stesso sesso si applicano  le disposizioni del Libro primo “Delle Persone e della famiglia”  Titolo XIII “Degli alimenti” del Codice Civile relative agli obblighi alimentari.

Diritti successori

 Alle unioni civili è estesa parte della disciplina sulle successioni riguardante la famiglia contenuta nel Libro secondo del Codice Civile.


In caso di decesso

In caso di decesso di una delle parti dell'unione civile prestatore di lavoro andranno corrisposte al partner sia l'indennità dovuta dal datore di lavoro (ex art. 2118 c.c.) che quella relativa al trattamento di fine rapporto (ex art. 2120 c.c.).

Scioglimento dell'unione civile

-      per morte di una delle parti;

-      per divorzio con procedimento giudiziario di cui all'articolo 3 n. 1 e n.2 lett.a), c), d), e) Legge 1 dicembre 1970 n.898.  Sarà applicabile anche la disciplina semplificata dello scioglimento del matrimonio mediante negoziazione assistita o per accordo innanzi all'ufficiale di stato civile senza necessità di periodo di separazione;

-      per dichiarazione dinanzi all'ufficiale di stato civile: tale dichiarazione può essere manifestata anche disgiuntamente; tempi di scioglimento: 3   mesi;

-      per rettificazione di sesso in quanto la coppia assume due sessi diversi;


Matrimonio contratto all'estero da cittadini italiani dello stesso sesso

Il matrimonio contratto all'estero da cittadini italiani con persona dello stesso sesso produce gli effetti dell'unione civile regolata dalla legge italiana. Gli atti di matrimonio potranno essere trascritti nei registri delle unioni civili in Italia nel Comune di iscrizione anagrafica delle parti.

Iter - tempi

Fase istruttoria - Documenti

Le persone interessate devono presentarsi presso l'ufficio stato civile per aprire il fascicolo relativo alla richiesta di costituzione unione civile: necessario presentare documento di identità valido. Gradita prenotazione appuntamento.

Cittadini stranieri

  • Nulla osta - Il cittadino straniero deve presentare all'ufficio matrimoni una dichiarazione dell'autorità competente del proprio paese dalla quale risulti che, secondo l'ordinamento giuridico di appartenenza, nulla-osta alla costituzione dell'unione civile con persona dello stesso sesso. La dichiarazione deve essere legalizzata presso la Prefettura, se non vi sono convenzioni internazionali tra l'Italia e lo Stato di appartenenza del cittadino straniero che ne stabiliscano l'esenzione. Il documento, oltre alla dichiarazione di cui sopra, deve contenere le generalità complete dell'interessato (nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza e stato civile).
  • Se la legge applicabile non ammette l'unione civile tra persone maggiorenni dello stesso sesso si applica la legge italiana.
  • Ai fini del nulla osta di cui all'articolo 116, primo comma, del codice civile, non rilevano gli impedimenti relativi al sesso delle parti. Qualora la produzione del nulla osta sia preclusa in ragione del mancato riconoscimento, secondo la legge dello Stato di cui lo straniero e' cittadino, dell'unione civile tra persone dello stesso sesso o di analogo istituto, il nulla osta e' sostituito da un certificato o altro atto comunque idoneo ad attestare la libertà di stato, ovvero da dichiarazione sostitutiva ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.445. Resta salva la libertà di stato accertata o acquisita per effetto di un giudicato italiano o riconosciuto in Italia.

Una volta in possesso di tutti i documenti necessari, l'ufficio di stato civile fisserà la data della redazione del verbale di richiesta di unione civile, previo contatto con gli interessati.

 

Redazione processo verbale richiesta costituzione unione civile

Entrambi le parti devono presentarsi all'ufficio di stato civile  nel giorno prestabilito, munite di documento di identità valido, per formulare la richiesta e rendere le dichiarazioni prescritte per la costituzione di unione civile: l'ufficiale di stato civile redigerà quindi apposito processo verbale sottoscritto dalla parti.

Le parti possono anche farsi rappresentare da persona munita di procura speciale risultante da scrittura privata senza firma autenticata.

Se le parti non conoscono la lingua italiana, devono essere assistite da un interprete nelle varie fasi del procedimento. L'interprete, munito di documento identificativo valido, presta giuramento di bene e fedelmente adempiere all'incarico ricevuto.

Le dichiarazioni contenute nel processo verbale devono essere verificate dall'ufficiale di stato civile entro 30 (trenta) giorni: decorso tale termine, se la verifica ha dato esito positivo, le parti possono costituire l'unione civile. Tuttavia se la verifica è stata completata in anticipo, e l'ufficiale di stato civile ne ha dato obbligatoria comunicazione ai richiedenti, anche l'unione può essere costituita senza aspettare i 30 giorni.

Le richieste di costituzione di unione civile si ricevono solo su appuntamento.

 

Dichiarazione costituzione unione civile

Le parti contraenti l'unione se desiderano effettuare la dichiarazione fuori dall'ufficio di stato civile (per esempio nella Sala di Consiglio), devono compilare e restituire all'ufficio  medesimo, almeno una settimana prima della costituzione, l'apposita scheda “Come celebrare l'unione civile” contenente informazioni sul cerimoniale.

Il giorno concordato per la costituzione innanzi all'ufficiale di stato civile, con la presenza di due testimoni, le parti devono rendere personalmente e congiuntamente la formale dichiarazione di voler costituire unione civile. Tale dichiarazione viene verbalizzata,  iscritta nei registri di stato civile e sottoscritta dai presenti (dichiaranti, testimoni e ufficiale di stato civile).

Se le parti e/o i testimoni non conoscono la lingua italiana, devono essere assistiti da un interprete. L'interprete, munito di documento identificativo valido, presta giuramento di bene e fedelmente adempiere all'incarico ricevuto.

Le dichiarazioni di costituzione di unione civile si ricevono solo su appuntamento.

 

Costituzione dell'unione civile a seguito di rettificazione di sesso

L'unione civile può essere costituita anche nei casi in cui, a seguito della rettificazione di sesso, i coniugi manifestino la volontà di non sciogliere il matrimonio o di non cessarne gli effetti civili, con una dichiarazione all'ufficiale di stato civile del Comune in cui risulta iscritto o trascritto l'atto di matrimonio.L'atto dell'unione civile viene registrato e poi annotato nell'atto di matrimonio delle parti e nei relativi atti di nascita.Le modalità per il conferimento dei propri dati sono quelle sopra indicate.

 

TERMINE

Termine: dopo la richiesta di costituzione di unione civile, decorsi 30 giorni, , se la verifica di quanto dichiarato ha dato esito positivo, le parti possono costituire l'unione civile. Tuttavia se la verifica è stata completata in anticipo, e l'ufficiale di stato civile ne ha dato obbligatoria comunicazione ai richiedenti, anche l'unione può essere costituita senza aspettare i 30 giorni.

Quando la costituzione dell'unione civile non avviene nei 180 giorni successivi al termine dei 30 giorni per la verifica delle dichiarazioni rese o alla comunicazione dell'ufficiale di stato civile, la richiesta delle parti e la verifica dell'ufficiale di stato civile si considerano come non avvenute.

Prenotazione appuntamento: telefono: 0516979237 - email: statocivile@comune.medicina.bo.it
PEC: statocivile@pec.comune.medicina.bo.it

COSTI A CARICO DELL'UTENTE

Tariffe: (per maggiori dettagli vedere tabella riepilogativa nella sezione “Modulistica”)

PER PERSONE RESIDENTI

I costi per l'utilizzo dei locali per la celebrazione delle unioni civili, se almeno una delle parti costituenti l'unione è residente o Aire del comune di Medicina, sono:

  - Ufficio di Stato Civile/ufficio del Sindaco/Sala di Giunta
  o In orario di apertura al pubblico dell'ufficio di stato civile: gratuito
  o Fuori dall'orario d'ufficio (non oltre le ore 19.00): 200 €
  - Sala di Consiglio e/o giardino interno della casa comunale
  o In orario di apertura al pubblico dell'ufficio di stato civile: gratuito
  o Fuori dall'orario d'ufficio (non oltre le ore 19.00): 200 €
  - Altra sede individuata con atto della Giunta Comunale
  o In orario di apertura al pubblico dell'ufficio di stato civile: 200 €
  o Fuori dall'orario d'ufficio (non oltre le ore 19.00): 300 €


PER PERSONE NON RESIDENTI

Per le unioni civili di persone NON residenti, che intendono contrarre unione civile nel Comune di Medicina, si applicano le seguenti tariffe:

 - Ufficio di Stato Civile/ufficio del Sindaco/Sala di Giunta
o In orario di apertura al pubblico dell'ufficio di stato civile: 300€
o Fuori dall'orario d'ufficio (non oltre le ore 19.00): 300 €
 - Sala di Consiglio e/o giardino interno della casa comunale
o In orario di apertura al pubblico dell'ufficio di stato civile: 300 €
o Fuori dall'orario d'ufficio (non oltre le ore 19.00): 300 €
  - Altra sede individuata con atto della Giunta Comunale
o In orario di apertura al pubblico dell'ufficio di stato civile: 400 €
o Fuori dall'orario d'ufficio (non oltre le ore 19.00): 400 €

Modalità di pagamento:


Tramite C/C postale n.298406

“Comune di Medicina – Servizio di Tesoreria”, Causale: “Rimborso spese per costituzione unione civile – cognome nome dei richiedenti”

Pagamento in contanti o con moneta elettronica (bancomat o carta di credito circuito CartaSI) presso l'ufficio di stato civile del Comune di Medicina, Via Libertà 103, piano terra

Tramite pagamento alla Tesoreria Comunale presso la Cassa di Risparmio di Ravenna Agenzia di Medicina – Piazza Garibaldi n.6

(N.B. in questo caso, prima di presentarsi alla Banca per il pagamento, occorre ritirare la Reversale di pagamento presso l'Ufficio Ragioneria del Comune di Medicina Via Libertà 103, primo piano;
Tramite pagamento Bonifico bancario (sia dall'Italia che dall'estero);

CASSA RISPARMIO DI RAVENNA SPA DIREZIONE GENERALE: IBAN: IT49 U 06270 13199 T 20990000633

SWIFT (o BIC): CRRA IT2R

Il provvedimento finale del Comune può essere sostituito da una dichiarazione sostitutiva dell'interessato?
NO
Il provvedimento finale del Comune può concludersi con un silenzio/assenso da parte del Comune?
NO

STRUMENTI DI TUTELA AMMINISTRATIVA E GIURISDIZIONALE

Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo:
Onelio Rambaldi, Sindaco, Telefono 0516979283 (Segreteria), fax.0516979222, email: segreteria@comune.medicina.bo.it

Modalità di richiesta: attraverso invio istanza alla casella di posta elettronica certificata istituzionale
PEC: comune.medicina@cert.provincia.bo.it

oppure
tramite posta ordinaria Via Libertà 103, cap.40059 oppure fax 0516979222.

Qualora anche il titolare del potere sostitutivo rimanga inerte e non concluda il procedimento con l'emanazione dell'atto conclusivo nella metà del tempo originariamente previsto, ai sensi dell'art.2, comma 9-bis, della Legge 9 agosto 1990, n. 241, "avverso il silenzio" della P.A. il privato potrà ricorrere al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale).

RICORSI:
i cittadini possono presentare ricorso all'Autorità Giudiziaria Ordinaria ovvero al Tribunale Civile competente territorialmente per ottenere in sede giurisdizionale il riconoscimento di un diritto soggettivo asseritamente leso da un provvedimento dell'Amministrazione in materia di stato civile (art.95 D.P.R. 3 novembre 2000, n.396: “Chi intende …opporsi a un rifiuto dello stato civile di ricevere in tutto o in parte una dichiarazione o di eseguire una trascrizione, una annotazione o altro adempimento , deve proporre ricorso al tribunale nel cui circondario si trova l'ufficio dello stato civile …presso il quale si chiede che sia eseguito l'adempimento”)

NORMATIVA

Decreto Legislativo 3 novembre 2000, n.396 “Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'art.2, comma 12, della legge 15 maggio 1997, n.127”

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n.267 T.U. delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, Cap.III Dirigenza ed incarichi.

D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445 - Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”

Deliberazione di Giunta Comunale n.113 del 27/08/2012 Provvedimenti in materia di conclusione del procedimento amministrativo (individuazione del soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo in caso di inerzia)

Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n.33 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni

Legge 20 maggio 2016, n.76 “Regolamentazione delle unioni civili tra le persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 luglio 2016, n.144 Disposizioni transitorie per la tenuta dei registri nell'archivio dello stato civile ai sensi dell'art.1, comma 34, legge 20 maggio 2016, n.76, recante “regolamento delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”

Decreto del Ministro dell'Interno 28 luglio 2016 – Approvazione delle formule per gli adempimenti degli ufficiali dello stato civile in materia di unioni civili tra persone dello stesso sesso

Circolare Istat prot.n.22585 del 01/12/2016 Rilevazioni demografiche e sanitarie per l'anno 2017 – Attività di produzione statistica demografica degli Uffici Comunali e degli Uffici Territoriali del Governo.

Delibera Consiglio Comunale n.110 del 22/12/2016, Approvazione del regolamento comunale per la celebrazione della cerimonia di costituzione delle unioni civili.

Decreto Legislativo 19 gennaio 2017, n.5 Adeguamento delle disposizioni dell'ordinamento dello stato civile in amteria di iscrizioni, trascrizioni e annotazioni, nonché modificazioni ed integrazioni normative per la regolamentazione delle unioni civili, ai sensi dell'articolo 1, comma 28, lettere a) e c), della Legge 20 maggio 2016, n.76.

Decreto Legislativo 19 gennaio 2017, n.6 Modificazioni ed integrazioni normative in materia penale per il necessario coordinamento con la disciplina delle unioni civili, ai sensi dell'articolo 1, comma 28, lettera c), della Legge 20 maggio 2016, n.76.

Decreto Legislativo 19 gennaio 2017, n.7 Modifiche e riordino delle norme di diritto internazionale privato per la regolamentazione delle unioni civili, ai sensi dell'articolo 1, comma 28, lettera b), della Legge 20 maggio 2016, n.76.


ULTIMA MODIFICA: 11/02/2017

Normativa

Regolamento cerimonia unioni civili
Allegati alla pagina
Informativa generale per unioni civili
Dimensione file: 2682 kB [Nuova finestra]
Tariffe per cerimonia unioni civili
Dimensione file: 7 kB [Nuova finestra]
Il Comune
Sindaco e Giunta
Consiglio comunale
Commissioni
Consulte territoriali
Consulte tematiche
Uffici comunali

Contatti
Ufficio Relazioni con il Pubblico
Trova una persona
Scrivi al Sindaco
Posta Elettronica Certificata

Servizi online
Albo Pretorio
Albo Pretorio (dati fino al 2/05/2016)
Bandi e Gare
Autenticazione con Federa
PSC - RUE - Classificazione acustica
People SUAP
Pagamenti online
Servizio rette scolastiche
Iscrizioni servizi scolastici - centri estivi
Servizi demografici online

Trasparenza
Amministrazione trasparente
Amministrazione trasparente (dati fino al 2/05/2016)
Codice disciplinare
Ex Trasparenza, valutazione e merito

Navigazione tematica
Agricoltura
Sportello Servizi al cittadino
Ambiente e Verde
Attività produttive
Casa
Cultura, tempo libero e sport
Disabili
Giovani
Lavoro
Macellazione
Patrocinio
Protezione civile
Raccolta firme
Risarcimento danni
Sale pubbliche
Sanità e salute
Scuole e asili nido
Servizi cimiteriali
Sociale
Stranieri
Trasporti
Turismo e ricettività
Tasse e Tributi
Polizia Municipale
Anagrafica dell'Ente
Comune di Medicina
Provincia di Bologna
Regione Emilia-Romagna
Italy
Via Libertà 103, 40059 Medicina (BO)
Tel. 051.69.79.111 - Fax 051.69.79.222
email: urp@comune.medicina.bo.it
Partita IVA: 00508891207
Codice Fiscale: 00421580374

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti indipendentemente dalla piattaforma o dal browser usato perché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0

Crediti
La redazione e la gestione di questo sito è a cura dell'ufficio URP, Segreteria Affari Generali, Segreteria del Sindaco.
Per inviare segnalazioni:
comunicazione@comune.medicina.bo.it
Pubblicato nel marzo del 2014
Realizzazione sito Punto Triplo Srl
Cookie
Informativa Cookie
Area riservata