La Giunta della Regione Emilia-Romagna al fine di offrire alle bambine, ai bambini ed alle loro famiglie maggiore facilità di accesso a esperienze di educazione e cura nei servizi educativi per la prima infanzia ha approvato una nuova misura di sostegno economico alle famiglie denominata Al nido con la Regione per l’anno educativo 2019/2020 (Per maggiori informazioni: https://www.regione.emilia-romagna.it/alnidoconlaregione).

Dalla Regione Emilia-Romagna sono quindi in arrivo 18 milioni ai Comuni per abbattere o azzerare le rette dei nidi. Le risorse sono assegnate a tutti i 220 Comuni dell’Emilia-Romagna, con il vincolo di utilizzarle esclusivamente per l’obiettivo individuato, quindi per abbattere o azzerare le rette di frequenza al nido e ai servizi integrativi, sia pubblici che privati convenzionati.

Il Comune di Medicina ha aderito a questo progetto regionale grazie al quale sono in arrivo circa 90 mila euro di benefit. Tutto questo porterà ad una riduzione delle rette che si andrà ad aggiungere agli sconti già applicati sul nostro territorio grazie allo stanziamento di risorse statali nell’ambito del decreto legislativo 65/2017 «Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino ai sei anni», che costituisce uno degli otto decreti attuativi della riforma del sistema di istruzione scolastica (meglio nota come «Buona Scuola»), risorse che hanno reso possibile anche le aperture degli asili nido nel mese di agosto.

“Stiamo facendo nuovi conteggi sulla base di questi finanziamenti in arrivo dalla Regione per il ricalcolo delle rette dal momento che sono tutte personalizzate in base all’Isee – spiega l’assessore alla Scuola Dilva Fava –. Grazie al finanziamento statale le rette sono già state tagliate del 25%. Ora, grazie a questa nuova opportunità regionale, riusciremo a rendere le rette ancora più leggere. Siamo estremamente contenti che l’Amministrazione della nostra Regione si dimostri attenta alle esigenze delle famiglie con provvedimenti concreti, come questo, che sono sicuramente molto utili per abbattere i costi del bilancio familiare». 

 

Notizia a cura della Segreteria del Sindaco