Ufficio di riferimento

A chi rivolgersi

UNITÀ ORGANIZZATIVA RESPONSABILE DELL' ISTRUTTORIA: SERVIZI DEMOGRAFICI

Responsabile del procedimento – l’Ufficiale di Stato Civile:

Italo Poggesi, Tel.0516979237
Catia Campomori, Tel.0516979237
Luisa Lanzarini, Tel.0516979237
Mirella Dall’Olio, Tel.0516979237
Valentina Montalbani, Tel.0516979237

Per informazioni: Ufficio Stato Civile

Descrizione - requisiti - Iter

Il cittadino straniero nato in Italia, che ha vissuto in Italia legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, cioè il 18° anno, può diventare cittadino italiano se dichiara di voler acquistare la cittadinanza italiana entro un anno dalla suddetta data ovvero entro il compimento dei 19 anni.

Requisiti

– Occorre essere nato in Italia da genitori stranieri
– Essere stato residente in Italia senza interruzioni fino al compimento dei 18 anni

Iter
Presentarsi all’ufficio di Stato Civile del Comune di residenza (Medicina) per rendere “dichiarazione di voler acquistare la cittadinanza italiana”. A tale dichiarazione, corredata da tutta la documentazione idonea a dimostrare di essere nella condizione prevista dalla legge, farà seguito l’accertamento del sindaco. L’Istruttoria della pratica verra’ gestita su appuntamento telefonando all’Ufficio di Stato Civile Tel. 051/6979237, tramite email o Pec oppure c/o ufficio.

Documentazione da presentare

• Documento di’identità personale
• Copia integrale del proprio atto di nascita *
• Certificato storico di residenza in Italia *
• Documentazione da cui risulti il possesso della cittadinanza straniera
• Permesso/Carta di soggiorno.
• Ogni idonea documentazione (es. Certificati di frequenza scolastica, certificati di vaccinazione, ecc…) utile per dimostrare la permanenza in Italia senza interruzioni di residenza legale;
• Ricevuta del versamento di Euro 250,00 da effettuarsi su apposito bollettino di C/C postale n.809020.

* Tale documento potrà essere acquisito d’ufficio, in alternativa esibita dall’interessato.

Tempi per la conclusione del procedimento - costi - Note

Entro 120° (tempo a disposizione del Sindaco per effettuare l’accertamento) dalla ricezione degli atti (Art. 16 Regolamento di attuazione DPR. 12/10/1993 n. 572).

Costi
Euro 250,00 quale contributo di cui all’art. 1, comma 12, Legge 15/07/2009 n. 94

Note ed informazioni
L’acquisto della cittadinanza decorre dal giorno successivo a quello della dichiarazione ed e’ efficace a seguito dell’accertamento positivo del Sindaco.
Se l’accertamento fosse negativo, viene ugualmente trascritto e di esso viene fatta annotazione solo nella dichiarazione resa.

REVOCA

La cittadinanza italiana acquisita ai sensi degli articoli 4, comma 2, (straniero nato in Italia e residente fino al 18° anno di età), è revocata in caso di condanna definitiva per i reati previsti dall’articolo 407, comma 2, lettera a), n. 4), del codice di procedura penale (terrorismo ed eversione dell’ordinamento costituzionale), nonché per i reati di cui agli articoli 270-ter e 270-quinquies.2, del codice penale. La revoca della cittadinanza é adottata, entro tre anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna per i reati di cui al primo periodo, con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell’interno.

Il provvedimento finale del Comune puo’ essere sostituito da una dichiarazione sostitutiva dell’interessato? NO
Il provvedimento finale del Comune puo’ concludersi con un silenzio/assenso da parte del Comune? NO

STRUMENTI DI TUTELA AMMINISTRATIVA E GIURISDIZIONALE

Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo:

Onelio Rambaldi, Sindaco, Telefono 0516979283 (Segreteria), fax.0516979222, email: segreteria@comune.medicina.bo.it

Modalità di richiesta: attraverso invio istanza alla casella di posta elettronica certificata istituzionale
PEC: statocivile@pec.comune.medicina.bo.it

oppure

tramite posta ordinaria Via Libertà 103, cap.40059 oppure fax 0516979222.

Qualora anche il titolare del potere sostitutivo rimanga inerte e non concluda il procedimento con l’emanazione dell’atto conclusivo nella metà del tempo originariamente previsto, ai sensi dell’art.2, comma 9-bis, della Legge 9 agosto 1990, n. 241, “avverso il silenzio” della P.A. il privato potrà ricorrere al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale).

– RICORSI: i cittadini possono presentare ricorso all’Autorità Giudiziaria Ordinaria ovvero al Tribunale Civile competente territorialmente per ottenere in sede giurisdizionale il riconoscimento di un diritto soggettivo asseritamente leso da un provvedimento dell’Amministrazione in materia di stato civile (art.95 D.P.R. 3 novembre 2000, n.396: “Chi intende …opporsi a un rifiuto dello stato civile di ricevere in tutto o in parte una dichiarazione o di eseguire una trascrizione, una annotazione o altro adempimento , deve proporre ricorso al tribunale nel cui circondario si trova l’ufficio dello stato civile …presso il quale si chiede che sia eseguito l’adempimento”);

Normativa

Legge 7 agosto 1990, n.241 “Nuove norme il materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”

Legge 05/02/1992, n.91 “Nuove norme sulla cittadinanza”;

D.P.R. 12 ottobre 1993, n.572/1993, “Regolamento di esecuzione della legge 5 febbraio 1992, n.91, recante nuove norme sulla cittadinanza”;

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n.267 T.U. delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, Cap.III Dirigenza ed incarichi.

Decreto Legislativo 3 novembre 2000, n.396 “Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile, a norma dell’art.2, comma 12, della legge 15 maggio 1997, n.127”

Deliberazione di Giunta Comunale n.113 del 27/08/2012 “Provvedimenti in materia di conclusione del procedimento amministrativo (individuazione del soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo in caso di inerzia).”

Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n.33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”

D.L. n.69 21/06/2013 art. 33 (Decreto del “Fare”, art. 14 comma 1-bis.) convertito in Legge

Deliberazione di Giunta Comunale n.160 del 16/12/2013 “Delibera Giunta Comunale n.113/2012 “Provvedimenti in materia di conclusione del procedimento amministrativo”: specifiche con riguardo a procedimenti assegnati ai Servizi Demografici

Il regolamento dello Stato Civile – Guida all’Applicazione – Massimario per l’Ufficiale di Stato Civile – Edizione 2014 – Ministero dell’Interno.

• Art.14 – Disposizioni in materia di acquisizione e revoca della cittadinanza – D.L. 04/10/2018 n.113, “Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell’Interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata”.” decreto legge convertito con Legge 1 dicembre 2018, n.132.

ULTIMA MODIFICA: 18/12/2018

Moduli del procedimento

  • Dichiarazione di volontà per l'elezione della cittadinanza italiana
    Pdf Rtf

Allegati al procedimento