Ufficio di riferimento

Note

 NOTA BENE: ai sensi dell’art.13 del Decreto Legge 4 ottobre 2018, n.113 entrato il vigore dal 5 ottobre 2018, il Permesso di Soggiorno rilasciato per richiesta “Asilo” NON costituisce titolo per l’iscrizione anagrafica.

A chi rivolgersi

Unità Organizzativa responsabile dell'istruttoria: Servizi Demografici e Servizi di Statistica

Responsabile del procedimento – Ufficiale d’Anagrafe:

Italo Poggesi, Tel.0516979256
Luisa Lanzarini, Tel.0516979256
Valentina Montalbani, Tel.0516979256
Mirella Dall’Olio, Tel.0516979256
Catia Campomori, Tel.0516979256

Per informazioni: Ufficio Anagrafe

Oggetto e modalità

OGGETTO

I cittadini provenienti da altro Comune italiano o dall’estero che intendono trasferire la residenza nel Comune di Medicina, entro 20 giorni dalla data in cui hanno stabilito la propria dimora abituale nel Comune, devono formulare la richiesta all’Ufficio Anagrafe.

MODALITA’ DI RICHIESTA

La richiesta deve essere formulata all’Ufficio Anagrafe, entro 20 giorni dalla data in cui si è verificata l’immigrazione, con una delle seguenti modalità:

• presentare istanza direttamente allo sportello Ufficio Anagrafe, previo appuntamento;

• consegnare personalmente all’Ufficio Relazioni con il Pubblico, con allegata copia documento di identità

• inviare per posta tramite raccomandata con Avviso di Ricevimento all’indirizzo Comune di Medicina, Via Libertà 103, cap.40059, con allegata copia documento di identità

• trasmettere via fax al numero 0516979255 oppure al 0516979222, con allegata copia documento di identità

• trasmettere via email semplice all’indirizzo anagrafe@comune.medicina.bo.it : la domanda dovrà essere firmata digitalmente, mentre copia del documento d’identità dovrà essere allegata in formato pdf o equivalente;

• trasmettere via email semplice all’indirizzo anagrafe@comune.medicina.bo.it : la copia della dichiarazione recante la firma autografa, copia del documento d’identità dovrà essere allegata in formato pdf o equivalente;

• trasmettere via posta elettronica certificata (PEC): anagrafe@pec.comune.medicina.bo.it

COSA OCCORRE - COSTI

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
Per richiedere l’iscrizione nell’anagrafe del Comune di Medicina, occorre presentarsi muniti di:

• fotocopia carta d’identità di tutti i richiedenti
• fotocopia codice Fiscale di tutti i richiedenti
• fotocopia patenti di guida e targhe dei veicoli posseduti (autoveicoli, motocicli, ciclomotori, rimorchi, ecc.) per l’automatica variazione della residenza sugli stessi

– NOTA BENE: A seguito delle modifiche del Codice della Strada, dal 2 febbraio 2013 sulle nuove Patenti di Guida è stata eliminata l’indicazione della residenza del titolare. Questa regola vale anche per le Patenti di Guida rilasciate prima del 2 febbraio 2013. Il cittadino che farà una pratica anagrafica di residenza (immigrazione o cambio di abitazione interno al Comune) non riceverà più l’etichetta di aggiornamento per la Patente di Guida ma solo l’adesivo da applicare sulla carta di circolazione dei mezzi di sua proprietà.

I cittadini stranieri (cioè extracomunitari), oltre ai documenti sopra citati, devono presentare anche:

• fotocopia del Passaporto

• fotocopia del Permesso di soggiorno in corso di validità, rilasciato dalla Questura territorialmente competente

NOTA BENE: il Permesso di Soggiorno rilasciato per richiesta “Asilo” NON costituisce titolo per l’iscrizione anagrafica. – L’accesso ai servizi previsti dal D.Lgs. 142/2015 (es. art.21 assistenza sanitaria) e a quelli comunque erogati sul territorio ai sensi delle norme vigenti e’ assicurato nel luogo di domicilio individuato dal richiedente protezione internazionale.

• I cittadini stranieri devono comprovare il proprio stato civile (coniugato, non coniugato) presentando certificato di matrimonio originale tradotto e legalizzato.

• nelle more del rilascio del 1° permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato: contratto di soggiorno stipulato presso lo Sportello Unico per l’immigrazione, ricevuta rilasciata dall’ufficio postale attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di permesso di soggiorno, domanda di rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato presentata allo sportello unico;

• nelle more del rilascio del 1° permesso di soggiorno per motivi famigliari per ricongiungimento famigliare: VISTO D’INGRESSO (sul Passaporto) (rilasciato dall’autorità Consolare ITALIANA), RICEVUTA DELLA POSTA RELATIVA ALLA RICHIESTA DEL PERMESSO DI SOGGIORNO (per motivi familiari), FOTOCOPIA NON AUTENTICATA DEL NULLAOSTA AL RICONGIUNGIMENTO RILASCIATO DALLO SPORTELLO UNICO (Prefettura) (N.B. NON SERVE IL NULLA OSTA SE IL RICONGIUNGIMENTO E’ CON CITTADINO ITALIANO

Per i cittadini comunitari e famigliari vedi apposita scheda.

Per il cambio di residenza in un edificio di nuova costruzione, occorre, per prima cosa, il numero civico, che verrà rilasciato dallo Sportello Unico dell’Edilizia.

Per chi entra in un nucleo famigliare già esistente, occorre la firma di un componente maggiorenne della famiglia stessa. Ai fini dell’esatta identificazione della nuova abitazione e relativo numero civico è opportuno segnalare il nome di un componente del nucleo famigliare che occupa l’abitazione precedente.

Costi a carico dell’utente
Le dichiarazioni anagrafiche sono esenti da qualsiasi tassa e diritto.

Iter - tempi - decorrenza

L’Ufficiale d’Anagrafe, ricevuta la richiesta, registrerà le dichiarazioni entro i 2 giorni lavorativi successivi, con decorrenza dalla data di presentazione/ricevimento delle dichiarazioni stesse.

Entro i 45 giorni successivi dalla data di presentazione/ricevimento delle dichiarazioni, l’Ufficiale d’Anagrafe effettuerà gli accertamenti necessari per verificare l’esistenza della dimora abituale avvalendosi anche degli Agenti di Polizia Municipale; e trasmetterà al Comune di precedente iscrizione anagrafica, il relativo modello per la cancellazione.

Decorrenza:
La cancellazione dall’anagrafe del Comune di precedente residenza e l’iscrizione nell’anagrafe del Comune di Medicina avranno la stessa decorrenza, cioè quella della data della dichiarazione di trasferimento resa dall’interessato all’Ufficio Anagrafe

Il provvedimento finale del Comune può essere sostituito da una dichiarazione sostitutiva dell’interessato? NO

Il provvedimento finale del Comune può concludersi con un silenzio/assenso da parte del Comune? SI

STRUMENTI DI TUTELA AMMINISTRATIVA E GIURISDIZIONALE

INERZIA DELL’AMMINISTRAZIONE

Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo:,

Onelio Rambaldi, Sindaco, Telefono 0516979283 (Segreteria), fax.0516979222,
email: segreteria@comune.medicina.bo.it

Modalità di richiesta: attraverso invio istanza alla casella di posta elettronica certificata istituzionale
PEC: anagrafe@pec.comune.medicina.bo.it
oppure

tramite posta ordinaria Via Libertà 103, cap.40059 oppure fax 0516979222.

Qualora anche il titolare del potere sostitutivo rimanga inerte e non concluda il procedimento con l’emanazione dell’atto conclusivo nella metà del tempo originariamente previsto, ai sensi dell’art.2, comma 9-bis, della Legge 9 agosto 1990, n. 241, “avverso il silenzio” della P.A. il privato potrà ricorrere al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale).

RICORSI: i cittadini possono avvalersi dei seguenti ricorsi:

1) “ricorso gerarchico” al Prefetto di Bologna avverso i seguenti atti, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento,:
1. diniego di iscrizione o di cancellazione di un soggetto e/o di un nucleo familiare dall’anagrafe
    della popolazione residente
2. iscrizione d’ufficio all’anagrafe della popolazione residente o trasferimento della residenza

Link sito Prefettura UTG di bologna: http://www.prefettura.it/bologna/contenuti/10206.htm

2) ricorso all’autorità giudiziaria ordinaria (Tribunale Civile) competente territorialmente per ottenere in sede giurisdizionale il riconoscimento di un diritto soggettivo asseritamente leso da un provvedimento dell’Amministrazione in materia di iscrizione e cancellazione anagrafica, entro i termini di prescrizione ordinaria stabilita dal codice civile (art.2946)

Normativa

• Legge 24 dicembre 1954, n.1228 “Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente”

• D.P.R. 30 maggio 1989, n.223 “Approvazione del nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente”

• Legge n.241 7 agosto 1990 Nuove norme il materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi, art.2 comma 9-bis “Conclusione del procedimento”

• Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n.267 T.U. delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, Cap.III Dirigenza ed incarichi.

• D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445 – Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”

• Circolare n.16/2007 Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali – Direzione Centrale per i Servizi Demografici,
“Stranieri extracomunitari. Iscrizione anagrafica nelle more del rilascio del primo permesso di soggiorno”;

• Circolare n.43/2007 Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali – Direzione Centrale per i Servizi Demografici, “Iscrizione in anagrafe di stranieri richiedenti il permesso di soggiorno per motivi famigliari”;

• Legge 15 luglio 2009, n.94 “Disposizioni in materia della sicurezza pubblica”

• Circolare n.17/2011 Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali – Direzione Centrale per i Servizi Demografici, “Impugnazione dei decreti prefettizi in materia anagrafica”;

• Art. 5 D.L. 09/02/2012 n.5, convertito in Legge 04/04/2012 n. 35 “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo”

• Deliberazione di Giunta Comunale n.113 del 27/08/2012 Provvedimenti in materia di conclusione del procedimento amministrativo (individuazione del soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo in caso di inerzia).

• Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n.33 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni

• Deliberazione di Giunta Comunale n.160 del 16/12/2013 “Delibera Giunta Comunale n.113/2012 “Provvedimenti in materia di conclusione del procedimento amministrativo”: specifiche con riguardo a procedimenti assegnati ai Servizi Demografici.”.

• Art. 5 D.L. 28/03/2014 n. 47 convertito in Legge 23/05/2014 n.80 “Misure urgenti per l’emergenza abitativa…”

• Circolare prot.n.579 del 20/02/2015 Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali – Direzione Centrale per i Servizi Demografici, “Decreto Legge 47/2014 – Misure urgenti per l’emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per l’EXPO 2015. Quesiti.”;

• Art.13 – Disposizioni in materia di iscrizione anagrafica – D.L. 04/10/2018 n.113, “Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell’Interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata”.

  ULTIMA MODIFICA: 13/10/2018